media
22 April 2022

Alimentazione per lo sport: cosa mangiare prima e dopo gli allenamenti

Ci troviamo spesso a discutere di quanto sia importante un’alimentazione sana ed equilibrata, in linea generale, per affrontare i propri impegni quotidiani con la giusta energia, ma anche per dormire meglio e sentirsi in salute su base generale.

Quando si pratica uno sport in maniera costante, è ancora più importante dare il giusto peso a cosa si mangia ma, soprattutto, a quando lo si fa, dato che i principi da assumere cambiano a seconda del momento della giornata.

Cerchiamo di capire insieme va articolata la dieta di uno sportivo.

Principi di una buona nutrizione: l’importanza della colazione

È fondamentale preparare una colazione ben bilanciata e che apporti la giusta quantità di calorie necessarie. Si tratta di un’occasione importante per ovviare alla mancanza di alcuni principi nutrizionali come le fibre, i sali minerali, le proteine o le vitamine.

Per chi pratica sport è bene assumere latte o yogurt insieme a muesli, cereali integrali, miele o frutta secca: i primi sono una ottima fonte proteica di calcio, riboflavina e probiotici, i secondi invece apportano zuccheri, grassi, acqua, sali minerali, vitamine e fibra alimentare.

Cosa mangiare prima e dopo gli allenamenti

L'alimentazione prima dell'allenamento deve essere energetica, in quanto le molecole necessarie al mantenimento omeostatico e al recupero post-esercizio vengono distribuite più o meno equamente nell'arco della giornata.

Pur sempre tenendo conto dei bisogni nutrizionali soggettivi, i pasti da assumere dopo l'impegno fisico possono essere a prevalenza glucidica o proteica. Per gli allenamenti di resistenza, quali la corsa, è bene assumere un pasto post-esercizio più energetico di quello consigliato dopo l'allenamento con i pesi, che ha una razione proteica superiore.

Lo spuntino post allenamento spesso è quasi interamente a base di carboidrati a medio-alto indice glicemico, e povero di fibre, proteine e lipidi. Può essere seguito da un secondo pasto post allenamento a base proteica e lipidica, dopo circa 1-2 ore di distanza.

L’importanza dell’idratazione

Durante l’attività fisica, le importanti perdite idriche conseguenti alla dalla sudorazione vanno equilibrate, in quanto la disidratazione in uno sportivo può portare a un abbassamento della qualità della prestazione e compromettere lo stato di salute.

Un’insufficiente idratazione può compromettere alcuni meccanismi fisiologici, riducendo anche l'ossigenazione dei tessuti: i primi sintomi della disidratazione in uno sportivo possono essere lo stimolo della sete, arrossamento della pelle, nausea, irritabilità, vertigini, debolezza e confusione mentale.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

0 Commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono evidenziati.*

Ho letto ed accetto la Privacy e Cookie