Argento Proteinato 1% 10ml

€ 1,82 € 3,00
  • Disponibilità: Disponibile
  • Brand: MONTEFARMACO OTC SpA
  • Codice prodotto: 029888029
  • Punti fedeltà: 3
  • ATTENZIONE:
    In caso di esaurimento scorte, l'ordine potrebbe subire un ritardo sui normali tempi di evasione.

Denominazione


ARGENTO PROTEINATO AFOM

Quali sono i principi attivi di Argento Proteinato 1% 10ml ?


Argento proteinato AFOM bambini 0,5% gocce nasali e auricolari, soluzione 100 g di soluzione contengono: Principio attivo: argento proteinato g 0,5 Argento proteinato AFOM adulti 1% gocce nasali e auricolari, soluzione 100 g di soluzione contengono: Principio attivo: argento proteinato g 1 Argento proteinato AFOM adulti 2% gocce nasali e auricolari, soluzione 100 g di soluzione contengono: Principio attivo: argento proteinato g 2 Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

Eccipienti


Sodio fosfato bibasico dodecaidrato Potassio fosfato monobasico Bronopol Acqua depurata

Quali sono le controindicazioni di Argento Proteinato 1% 10ml ?


Ipersensibilità ai principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Qual è la posologia di Argento Proteinato 1% 10ml ?


Adulti e bambini Somministrare 1–2 gocce in ogni narice o nel condotto auricolare 2–3 volte al giorno.

Come si conserva Argento Proteinato 1% 10ml ?


Conservare il flacone ben chiuso nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.

Quali sono le avvertenze di Argento Proteinato 1% 10ml ?


Evitare l’uso concomitante con prodotti a base di papaina (vedere paragrafo 4.5). Attenersi alle dosi consigliate e alle modalità di impiego. L’argento proteinato, se accidentalmente ingerito o se impiegato per un lungo periodo a dosi eccessive, può determinare fenomeni tossici (vedere paragrafo 4.9). Informazioni importanti su alcuni eccipienti La presenza di bronopol può causare reazioni cutanee locali (es. dermatiti da contatto). Il contenitore di questo medicinale è costituito di gomma latex. Può causare gravi reazioni allergiche.

Quali sono le iterazioni di Argento Proteinato 1% 10ml ?


La soluzione di argento proteinato può interagire con prodotti a base di papaina. La papaina è un enzima proteolitico, appartenente alla classe delle idrolasi, che si estrae dal frutto immaturo della papaya (Carica papaya). L’uso concomitante di argento proteinato e papaina potrebbe inibire l’azione enzimatica della papaina.

Quali sono i possibili effetti indesiderati di Argento Proteinato 1% 10ml ?


Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati dell’argento proteinato, organizzati secondo la classificazione organo–sistemica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Dermatiti Rash Bruciori Irritazioni della cute Decolorazione della pelle Reazioni di ipersensibilità Argiria (vedere paragrafo 4,9).

Sovradosaggio


In caso di sovradosaggio si possono verificare elevate concentrazioni di argento nel plasma e decolorazione della cute. Inoltre, possono verificarsi sintomi sistemici come epatotossicità,cardiomiopatia, amnesia e linguaggio confuso. L’ingestione giornaliera prolungata di argento proteinato può determinare neurotossicità irreversibile, con stato epilettico mioclonico, fino a determinare coma e, infine, morte. Un accumulo di argento nella pelle, nelle mucose, nelle membrane e negli occhi, dovuto a ingestione o assorbimento anche di piccole quantità, puo’ determinare la comparsa di argiria. L’argiria è caratterizzata da una colorazione della cute da grigio a blu scuro, dovuta al legame dell’argento con diverse proteine e alla conseguente produzione di pigmenti.

Si può utilizzare Argento Proteinato 1% 10ml in Gravidanza ?


Gravidanza Non vi sono dati adeguati riguardanti l’uso di argento proteinato in donne in gravidanza. Argento proteinato non deve essere usato durante la gravidanza, se non in caso di assoluta necessità. Allattamento Non vi sono dati adeguati riguardanti l’uso di argento proteinato in allattamento. Argento proteinato non deve essere usato durante l’allattamento, se non in caso di assoluta necessità.