+39 334 228 44 44

Dal lunedì al venerdì h 9:00 - 16:00

+39 334 228 44 44

Dal lunedì al venerdì h 9:00 - 16:00

media
27 July 2021

Benefici dell'esposizione e come esporsi in maniera sicura

Il sole è indispensabile per tutte le forme di la vita presenti sulla terra e sono molti i benefici diretti che ci interessano anche più da vicino. L’importante, come sempre nella vita, è non esagerare con l’esposizione solare, dato che i pericoli cui si va incontro possono essere diversi e anche gravi.

Prima di passare ai benefici del sole, cerchiamo di capire meglio cosa intendiamo per “corretta esposizione”: con tale locuzione, si è soliti intendere che è benefico esporsi per gradi ai raggi solari, non andando oltre i 15-30 minuti in primavera o a inizio estate, o comunque quando la pelle non è ancora pronta a esposizioni prolungate, evitando di stare al sole nelle ore più intense della giornata (dalle 11.00 alle 15.00), e applicando sempre  creme solari adatte al proprio fototipo.

Ma vediamo insieme i benefici dello stare al sole e alcuni consigli su come esporsi correttamente.

Benefici

La luce solare è la principale fonte di vitamina D per il nostro corpo: grazie a essa, il 7-deidrocolesterolo si trasforma in colecalciferolo, ovvero la vitamina D3, che è indispensabile per la nostra salute, in quanto essa è regolatrice del metabolismo del calcio, fondamentale per una buona calcificazione delle ossa.

Non dimentichiamo che la vitamina D è indispensabile anche per il buon svolgimento delle funzioni legate a muscoli, cuore, polmoni e cervello e, ancora, per contrastare il manifestarsi di infezioni, e per far diminuire il rischio di sclerosi multipla e di disturbi cardiaci.

Diversi studi hanno ipotizzato che il sole agisce da antipsoriasico in quanto stimola il cervello a produrre le endorfine, che riducono la percezione dello stress, e tenendo conto che la vitamina D frena la diffusione della psoriasi a livello cellulare, e ferma l’infiammazione.

In ultimo, l’azione del sole sul corpo umano stimola anche la produzione di serotonina, l’ormone della felicità.

Come esporsi in maniera sicura

In primis, e vale per tutti, è meglio evitare di restare al sole nelle ore più calde, ossia dalle 11 alle 15 e mettersi all’ombra oppure adoperare cappelli e indumenti traspiranti per proteggersi, oltre a mantenere il proprio corpo idratato, assumendo almeno 1,5 litri di acqua ogni giorno.

Quando sappiamo che resteremo al sole per un po’, è importante applicare sempre la crema solare appropriata, che da una mano importante nell’abbronzarsi in maniera sana e nell’evitare di perdere subito il colore.

Per capire quale solare che fa per noi, è necessario definire il proprio fototipo, tenendo presenti alcuni aspetti che ci caratterizzano, quali il colore di occhi, incarnato e capelli, che vanno a definire il livello di fragilità al sole, ovvero a quale dei 6 fototipi apparteniamo. Più alto è il fototipo, più tempo possiamo restare al sole prima che si presenti una scottatura, mentre i fototipi più sensibili hanno bisogno di una protezione maggiore.

È necessario sottolineare che anche se si ha una cute molto scura o già abbronzata, è sempre importante osservare delle buone pratiche per evitare fastidiose scottature, ma anche per prendersi cura della salute della cute.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

0 Commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo E-Mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono evidenziati.*

Ho letto ed accetto la Privacy e Cookie